COMUNICATO IMPORTANTE         Chiudi

A partire dal 1 Marzo 2017, Vincenzo Bernardelli Srl sospende l'attività di produzione garantendo al tempo stesso l'assistenza e la disponibilità dei pezzi di ricambio.
Assistenza Doppiette: NOVAGLIO ENRICA & C. SAS Via Zanardelli, 1 - 25075 - CORTINE DI NAVE (Brescia) Tel. e Fax 030 2530991 Cell. 335 6188021 Sig. Marco Civini e-mail : novaglioenrica.sas@gmail.com

Leggi i dettagli

Doppiette

Doppietta Bernardelli

DOPPIETTA BERNARDELLI

Doppietta = Bernardelli. Questa è l’equazione che lega le due cose. Ad un appassionato e conoscitore delle armi di pregio, parlando di Doppiette, verrà spontaneo associare a questo meraviglioso fucile il nome “Bernardelli”. In tutto il mondo è nota la storia della nostra azienda che da oltre due secoli si è inserita nella lavorazione delle armi e particolarmente nella produzione di Doppiette di elevata fattura. Anche oggi le Doppiette Bernardelli sono prodotte seguendo gli schemi ed i dettami delle Doppiette di altri tempi. Di attuale vi sono le macchine utensili, gli impianti necessari alla realizzazione di cicli produttivi in accordo con i tempi ed i materiali di ultima generazione. Lo schema costruttivo (immagine 1) è ancora quello, classico ed unico, non sostituibile da versioni aggiornate di più semplice realizzazione ma non rispettose della tradizione.

La quasi totalità delle Doppiette Bernardelli adotta le batterie di tipo Anson & Deeley (immagine 2). In questo progetto la prima cosa che colpisce è la posizione del gruppo di scatto posto molto in avanti, vicino al perno cerniera. Quale è il vantaggio? Il peso di tutto il meccanismo è più vicino al centro dell'arma. Più i pesi sono concentrati verso il centro e più l'arma sarà bilanciata. Ovviamente il bilanciamento dipende anche dalla lunghezza della canna, dal peso del calcio ma, a parità di condizioni, è possibile verificare il perfetto equilibrio che si riscontra in una doppietta con batterie Anson & Deeley rispetto ad altre soluzioni. Solo un esperto tecnico di officina o un appassionato molto competente può apprezzare le difficoltà che si devono superare per la realizzazione della Bascula (immagine 3) ottenuta da lavorazione meccanica senza ricorrere alla successiva saldatura di alcuni elementi di essa o semplicemente abolendo, per facilitarne la lavorazione, alcune zone che invece sono importanti per garantire la tenuta della Bascula stessa.

La Bascula, il Sottoguardia e la Croce sono ricavati da stampati (immagine 4) in acciaio legato al Nichel, Cromo, Molibdeno. Ultimate le lavorazioni meccaniche vengono sottoposti ad un trattamento termico di cementazione e tempra che conferisce resistenza al cuore ed elevata durezza superficiale. La batteria Anson & Deeley è indubbiamente più costosa rispetto ad una batteria di un sovrapposto. Alcuni costruttori adottano la batteria Anson e Deeley ma, per ottenere un risparmio, utilizzano i particolari interni ricavati da Microfusi o da MIM, anche quelli sottoposti ad elevate sollecitazioni. Nelle Doppiette Bernardelli tali particolari sono ricavati da profilati in acciaio (immagine 4) con successive lavorazioni meccaniche. Questa tecnica costruttiva consente di ottenere particolari con elevata resistenza meccanica, un grado di finitura eccellente e tolleranze di lavorazione molto ristrette a vantaggio della precisione nel montaggio e nel funzionamento dell’arma .

Lo scatto dei cani con il relativo percussore è determinato da molle a lamina (a “V”) (immagine 4). Rispetto alle normali molle a spirale le molle a “V” permettono un movimento più rapido e costante del cane. Le molle a spirale, proprio per la loro caratteristica e modalità di funzionamento, perdono carico e quindi diminuisce la loro spinta quando si allungano. La molla a “V” è più istantanea e costante nel funzionamento. Nei Fucili dotati di monogrillo selettivo (immagine 5) il sistema di selezione posizionato davanti al Grilletto, tipico della Bernardelli, è esteticamente molto bello ma soprattutto estremamente funzionale.

Nelle nostre Doppiette le Canne sono realizzate partendo da barre in acciaio legato al Cromo Molibdeno da cui si ricavano i tubi mediante foratura dal pieno. La saldatura delle canne non prevede l’impiego del monoblocco e pertanto i Tubi non hanno la riduzione del diametro in corrispondenza dell’innesto del monoblocco. Fra le varie parti che compongono la canna è compreso un elemento saldato nella parte inferiore delle canne chiamato Rampone (immagine 6). La sua funzione è particolarmente importante in quanto è l’elemento che dovrà garantire il perfetto accoppiamento fra la canna e la bascula. La lavorazione meccanica del Rampone viene eseguita dopo la saldatura delle canne. La geometria delle zone del Rampone che determinano l’accoppiamento e la chiusura della Canna con la Bascula è realizzata mediante elettroerosione a filo (immagine 7). È una tecnica costosa, ma permette di ottenere un grado di finitura e tolleranze di lavorazione prossime al centesimo di millimetro. Ne deriva un risultato estetico eccezionale ed una sicura garanzia sotto l’aspetto della tenuta (immagine 8).

Numerosissime sono le varianti che si possono richiedere e realizzare. Eccone alcune:

  • - Varie lunghezze delle canne
  • - Diverse tipologie di strozzature
  • - Gli Estrattori: manuali o automatici
  • - La batteria: Bigrillo (immagine 9) o Monogrillo (immagine 10)
  • - I Calci di diversa fattura: Inglese (immagine 11), Pistola (immagine 12) o, a richiesta , di altro tipo
  • - Le Aste (immagine 13): lunga, a coda di castoro, corta
  • - Per ultimo la possibilità di veder soddisfatte particolari esigenze richiedendo personalizzazioni (immagini 14-15) non contemplate fra le varianti già previste nella nostra produzione corrente.

Oltre ai modelli con batterie Anson & Deeley,la gamma comprende anche modelli dotati di batterie tipo Holland e fucili a Cani esterni. La batteria non è nella Bascula ma su Cartelle a piastrina collocate ai due lati per questo motivo viene definita "sidelock. Fra i sistemi di batterie a Cani interni la batteria H & H (immagine 16) rappresenta senza dubbio una soluzione di classe superiore sia per il funzionamento che per la sicurezza. Per contro risulta decisamente più costosa se confrontata con altre soluzioni. L’esecuzione delle parti realizzate con elevati standard qualitativi, l’alta professionalità richiesta per la messa a punto delle batterie H & H, l’utilizzo di legni pregiati, le incisioni eseguite a mano da maestri incisori che con varie tecniche realizzano vere e proprie opere d’arte concorrono alla realizzazione di un arma che riunisce tutti gli elementi che hanno contribuito a creare la storia e la tradizione armiera bresciana.

Il medesimo concetto viene utilizzato per i fucili a Cani esterni (immagine 17) ove, anche in questo caso, le batterie sono alloggiate sulle cartelle laterali.
Infine le incisioni. I modelli Anson & Deeley vengono incisi utilizzando moderne metodologie adatte per produzioni di elevata quantità. Per i modelli Holland ed a cani esterni come detto, le incisioni sono realizzate a mano (immagine 18).

Immagini

   
   
   
   
   
   

 

Fare clic sulle immagini per ingrandire